Chi era Léon Foucault l'ideatore del famoso pendolo?

Chi era Léon Foucault l’ideatore del famoso pendolo? Reviewed by on . Rating: 4

Google ricorda con il Doodle di oggi raffigurante un pendolo, il 194° anniversario della nascita del fisico francese Léon Foucault, artefice del famoso esperimento per dimostrare la rotazione terrestre sul proprio asse.

Foucault presentò il suo esperimento prima all’osservatorio di Parigi nel’1851 e successivamente all’interno del Phanteon di Parigi. Il pendolo di Foucault era costituito da una sfera di 28 chili appesa ad un filo lungo ben 67 metri. La pesante sfera terminava con una punta che permetteva di lasciare un segno sul piano sottostante ad ogni oscillazione.

Secondo la legge di inerzia il pendolo non legato ad un sostegno rigido mantiene inalterato il suo piano di oscillazione, nel caso del pendolo di Foucault invece la punta lasciò delle linee sul piano sottostante che indicavano chiaramente una rotazione del piano stesso. In questo modo il fisico francese poté dimostrare che a ruotare era la terra sotto il pendolo.
L’esperimento per le modalità di esecuzione e la semplicità dei materiali usati fece il giro del mondo e venne replicato in diverse città, Foucault divenne ben presto famoso e ottenne importanti riconoscimenti e premi come la Medaglia Copley della Royal Society di Londra.

Foucault nacque a Parigi il 18 settembre del 1819, studiò dapprima medicina all’università ma ben presto, forse impressionato dal sangue, si dedicò allo studio della fisica. Insieme al fisico Hippolyte Fizeau dimostrò che per la diversa densità del mezzo la luce attraversa più lentamente l’acqua rispetto all’aria, inoltre effettuò diversi studi sulla polarizzazione della luce. Foucaul inventò anche il giroscopio, scopri le correnti indotte (dette anche correnti di Foucault) e un cratere lunare che porta il suo nome.
Morì l’11 febbraio del 1868 a Parigi, una malattia degenerativa, forse sclerosi multipla, gli impedì di muoversi e parlare, durante gli ultimi anni, costretto a letto per la maggior parte del tempo, si fece posizionare lo specchio che egli stesso aveva inventato per osservare la volta celeste. Oggi un asteroide, la numero 5668, porta il suo nome. La tomba del fisico francese si trova nel cimitero di Montmartre.

Tag

Guide simili che potrebbero interessarti

|