Come conservare i cibi più a lungo

Come conservare i cibi più a lungo Reviewed by on . Rating: 4

La conservazione degli alimenti è sempre stata importante per la sopravvivenza dell’uomo. Nel corso dei secoli si sono sviluppate varie tecniche; siamo passati dai metodi adottati già nel medioevo che prevedevano l’essiccazione, l’affumicatura, la salatura e la tostatura, a metodi più moderni basati sul sottovuoto e sulla preparazione degli alimenti in atmosfera protetta.
Vediamo come è possibile conservare più a lungo in casa, adottando piccoli accorgimenti, alcuni tipi di alimenti che utilizziamo normalmente nelle nostre cucine.

Come fare

  1. Conserviamo le patate in un luogo fresco e buio, in un sacchetto di carta, lontano dalle cipolle che producono dei gas che velocizzano la loro germogliazione. Mettiamo invece le cipolle all'interno di vecchi collant, avendo cura di fare un nodo tra una cipolla e l'altra in modo che non vengano a contatto, ed appendiamole in modo che prendano aria. Anche l'aglio deve stare in un luogo fresco ed asciutto, oppure possiamo congelarlo a spicchi dopo averlo pelato.

  2. Togliamo l'insalata dalla plastica, avvolgiamola nella carta assorbente e conserviamola in frigorifero; anche i funghi devono essere tolti dalla confezione di plastica e tenuti in frigo all'interno di sacchetti di carta.

  3. I broccoli sono ortaggi che si deteriorano molto velocemente, per conservarli più a lungo possiamo avvolgerli nella pellicola isolante in modo che non vengano in contatto con l'aria; mettiamo le erbe aromatiche e gli asparagi a bagno in un vasetto di acqua, posti in frigo nell'ultimo ripiano in basso.

  4. Per conservare più a lungo le fragole mettiamole a bagno in una insalatiera con una soluzione composta da dieci parti di acqua ed una di aceto di mele; l'aceto eliminerà gran parte dei batteri presenti sulla superficie del frutto che quindi si manterrà buono per più tempo.

  5. Per evitare che le banane anneriscano subito dopo averle acquistate non dobbiamo metterle in frigorifero, dobbiamo invece separarle una dall'altra ed avvolgere ogni picciolo con la pellicola alimentare, questo rallenterà la loro maturazione.

  6. Anche il pesce è un alimento che deteriora velocemente; per conservarlo più a lungo dobbiamo togliere le interiora, metterlo all'interno di un sacchettino di plastica e riporlo in frigorifero sopra una ciotola piena di ghiaccio; possiamo anche avvolgerlo con un panno umido cosparso di sale, in questo modo si conserva in frigo per due o tre giorni.

  7. Il pane si mantiene fresco all'interno di un sacchetto di carta per poche ore, se lo mettiamo in un sacchetto di plastica resiste morbido anche due giorni, ma comunque tende a diventare gommoso. Il modo migliore per averlo fresco anche dopo qualche giorno è di tagliarlo a fette e congelarlo, avendo cura di togliere l'aria dal sacchetto; possiamo togliere dal congelatore la quantità che ci serve ed avremo sempre il pane morbido.

Tag

Guide simili che potrebbero interessarti

|