Come fare il vin brulé

Come fare il vin brulé Reviewed by on . Rating: 4.5

Il vin brulé è un vino speziato e zuccherato che viene riscaldato lentamente e consumato, soprattutto nel periodo dell’Avvento, come gradevole e confortevole bevanda calda. Lo si può sorseggiare durante i mercatini di Natale nell’Italia settentrionale o durante le sagre e le feste popolari dove viene distribuito ai visitatori infreddoliti. Il vin brulé viene preparato facendo riscaldare lentamente il vino rosso e aggiungendo successivamente zucchero, spezie, quali cannella e chiodi di garofano, e a piacere anice stellato e scorza di agrumi. I migliori vin brulé si producono con vini da tavola corposi e di qualità ai quali si aggiungono poche spezie e poco zucchero. La gradazione alcolica varia in base al vino utilizzato e ai tempi di cottura, l’etanolo a temperature superiori agli 80°C evapora riducendo quindi la gradazione alcolica, il vino va riscaldato lentamente a fiamma molto bassa (se la fiamma è alta l’etanolo potrebbe prendere fuoco) in una pentola di acciaio inox.

Cosa serve

Vino rosso corposo: 1 litro

Zucchero: 200 g

Chiodi di garofano: 8

Cannella: 2 stecche

Un'arancia

Un limone

Anice stellato: 1

Una spolverata di noce moscata

Come fare

  1. Preparate le spezie e lavate con cura il limone e l'arancia (meglio se sono biologiche) quindi tagliate la scorza degli agrumi facendo attenzione a non tagliare anche la parte bianca che conferirebbe uno sgradevole sapore amaro alla bevanda.

  2. Mettete lo zucchero in una pentola di acciaio inox piuttosto bassa quindi aggiungete le spezie e i pezzetti di scorza.

  3. Versate il vino mescolate con un cucchiaio di legno e mettete sul fuoco a fiamma molto bassa, quando il vino inizia a bollire aspettate 5 minuti quindi spegnete. Per eliminare ulteriormente l'alcol potete avvicinare con cautela un fiammifero alla superficie del liquido, si formerà una fiammella blu che durerà pochi secondi.

  4. Quando il vin brulé è pronto filtratelo con un colino a maglie molto fini e versatelo nelle tazze, non utilizzate normali bicchieri di vetro che potrebbero rompersi non sopportando temperature elevate.

Tag

Guide simili che potrebbero interessarti

|