Come funzionano le gomme invernali

Come funzionano le gomme invernali Reviewed by on . Rating: 4.5

Con l’inizio del grande freddo invernale è d’obbligo avere le catene a bordo oppure montare gli pneumatici da neve. Mettere le gomme da neve quando le temperature iniziano a scendere consente di ridurre notevolmente lo spazio di frenata e di aumentare di molto il margine di sicurezza.

Gli pneumatici invernali non sono utili solo in caso di neve e ghiaccio ma lavorano meglio delle gomme estive anche su strade bagnate e asciutte quando le temperature scendono sotto i 7°C.

Ma come funzionano le gomme invernali?

Come fare

  1. Le gomme invernali sono costituite da una speciale mescola ricca di silice e hanno numerose lamelle che sfregando tra loro scaldano lo pneumatico, inoltre grazie alle lamelle la neve viene imprigionata dalle gomme aumentando l'aderenza neve-neve. Le gomme estive al contrario hanno tasselli pieni senza le lamelle.

  2. Anche se il codice della strada consente una configurazione mista cioè permette di montare solo 2 gomme invernali (posteriori o anteriori) è raccomandato utilizzare 4 pneumatici invernali in modo da avere una maggiore omogeneità tra asse anteriore e posteriore ed aumentare così la sicurezza.

  3. Per quanto riguarda dimensioni e prestazioni le gomme invernali devono avere le medesime caratteristiche di quelle estive che sono indicate sulla carta di circolazione, tuttavia possono avere una categoria di velocità inferiore.

  4. Le gomme invernali presentano su un fianco le lettere M e S (MS, M+S, M/S, M&S, M-S,) inoltre quelli più moderni hanno anche un simbolo aggiuntivo: un fiocco di neve incorniciato da una montagna (Snowflacke) ad indicare che lo pneumatico ha superato test specifici su neve e ghiaccio, tuttavia anche le gomme senza tale simbolo sono valide.

  5. Per la normativa lo pneumatico invernale è equiparato alle catene tuttavia anche se avete montato gomme specifiche per l'inverno, è utile tenere a bordo un paio di catene in quanto in determinate condizioni come neve alta, neve fresca, salite ripide e ghiacciate, le catene vi permettono di uscire da tali situazioni difficili.

  6. Gli pneumatici invernali hanno costi notevoli che variano in base ai diversi modelli, mentre le catene hanno costi più contenute che si aggirano sui 40 euro. Tuttavia non richiedono manovre complicate a bordo strada, non sono rumorose come le catene e non danneggiano l'auto, l'utilizzo degli pneumatici invernali garantisce maggior sicurezza non solo su strade innevate ma anche su tratti bagnati o asciutti, inoltre consente di evitare l'usura di quelle estive che di conseguenza durano di più.

  7. Se nella vostra zona nevica spesso e le temperature scendono sotto i 7- 10°C meglio optare per pneumatici invernali, le catene infatti sono rumorose, non sempre facili da montare (anche se alcune hanno sistemi di montaggio semiautomatici) se non montate correttamente possono danneggiare le gomme e le parti meccaniche della ruota (sospensioni, freni, etc) inoltre vanno tolte appena non c'è più neve, ripulite dal sale e riposte nell'auto. Alcune auto, a causa di gomme sempre più larghe e passaruota sportivi non consentono l'utilizzo di catene.

  8. Le gomme estive una volte tolte vanno conservato nel giusto modo, potete lasciarle al vostro gommista che le conserverà per voi oppure conservarle in un posto buio e asciutto orizzontalmente se montate sui cerchioni o verticalmente se smontate.

  9. Le gomme invernali teoricamente possono essere tenute tutto l'anno, non ci sono infatti norme che impongano la sostituzione, tuttavia per evitare l'eccessiva usura durante i mesi caldi meglio sostituirle con quelle estive.

Tag

Guide simili che potrebbero interessarti

|