Quali spese si possono detrarre dal 730/2014

E’ disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello 730/2014 per la dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2013. Grazie alle spese detraibili e deducibili è possibile ottenere una riduzione delle tasse da pagare, le spese detraibili vengono scalate direttamente dall’imposta mentre quelle deducibili vengono “scontate” dal reddito cioè riducono la base imponibile sulla quale calcolare le imposte. Molte di queste spese sono note ma tante altre sono sconosciute e spesso vengono dimenticate.

Si parla di detrazione, per esempio, per le spese mediche, gli interessi passivi del mutuo e le spese per l’istruzione che vanno a diminuire l’imposta da pagare. Se l’imposta dovuta è inferiore alla detrazione non c’è rimborso, esiste però un’eccezione per i canoni di locazione. Mentre sono deducibili per esempio i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori o volontari e le donazioni a favore di enti no profit.

Ma vediamo in dettaglio quali sono le spese e in che percentuale possono essere detratte.

spese

Come fare

  1. Possono essere detratte al 19% le spese mediche, le spese sanitarie per famigliari non a carico, per persone con disabilità compresi l'acquisto di veicoli, mezzi necessari alla deambulazione, al sollevamento, sussidi tecnici e informatici per l'integrazione e l'autosufficienza e cani guida. Tutte le spese sostenute nell'anno 2013 devono essere documentate attraverso scontrini (è il caso delle farmacie, sui quali deve essere riportato il codice fiscale), fatture relative a visite specialistiche o ricevute di ticket. Tutte le spese vanno sommate e la detrazione del 19% si applica solo alla parte che supera l'importo di 129,11 euro. Nel caso di spese per persone disabili la detrazione del 19% si applica invece sull'intero importo.

  2. Vanno detratti sempre in misura del 19% anche gli interessi passivi del mutuo per l'acquisto delle abitazione principale, interessi relativi a mutui ipotecari per l’acquisto di altri immobili, per gli interessi relativi a mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio, per gli interessi relativi a prestiti o mutui agrari.

  3. Detraibili anche le spese veterinarie, l'importo massimo detraibile è però di 387,34 e la detrazione si applica solo sulla parte che eccede i 129,11 euro.

  4. E' aumentata la detrazione per i figli a carico, per figli di età uguale o superiore ai 3 anni la detrazione è di 950 euro mentre per figli di età inferiore ai 3 anni la detrazione è di 1220 euro mentre per i disabili la detrazione passa da 220 a 400 euro. Anche le spese per l'asilo nido, l'istruzione o le spese sportive (importo massimo 210 euro a figlio) relative a palestre, piscine associazioni sportive, per i ragazzi dai 5 ai 18 anni.

  5. Sono detraibili anche le spese per intermediazione immobiliare, le spese funebri (importo massimo 1.549,37 euro ), le spese sostenute per l'assistenza personale.

  6. Da sottolineare anche il recupero delle spese relative agli affitti, anche gli studenti universitari fuori sede, la cui università si trovi in un comune diverso da quello di residenza e disti almeno 100 km o comunque in una provincia diversa (importo massimo 2.633 euro).

  7. Detraibili anche le erogazioni liberali a favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o da altri eventi straordinari, delle società e associazioni sportive dilettantistiche, delle società di mutuo soccorso, delle associazioni di promozione sociale, delle attività culturali ed artistiche, degli enti dello spettacolo, di fondazioni operanti nel settore musicale, degli istituti scolastici, del Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato. Da detrarre anche i contributi versati per il riscatto del corso di laurea dei familiari a carico.

  8. Mentre per le erogazioni liberali in denaro per un importo non superiore a 2.065 euro annui a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) e per quelle in favore dei partiti e dei movimenti politici la detrazione è del 24%.

  9. Sono deducibili invece i contributi previdenziali e assistenziali quali i contributo S.S.N. e l'R.C. dei veicoli, rientrano anche le assicurazione casalinghe e i contributi agricoli unificati versati all’Inps.

  10. Deducibile l'assegno versato al coniuge, i contributi previdenziali e assistenziali versati per esempio a Colf, badanti, baby sitter, erogazioni liberali in denaro a favore di istituzioni religiose e spese mediche o di assistenza specifica per le persone con disabilità.

  11. Ricordatevi inoltre delle spese per la ristrutturazione edilizia, la riqualificazione energetica l'acquisto di mobili o elettrodomestici di classe non inferiore ad A+, per le quali le detrazioni possono essere del 36-41-50 o 65%

  12. Per tutti i dettagli delle spese detraibili e deducibili compresi gli importi massimi consultate il sito dell'agenzia delle entrate dove trovate il pdf relativo alle istruzioni per la compilazione del 730/2014.

Tag

Guide simili che potrebbero interessarti

|